lunedì 7 ottobre 2013

SFIDA ALL'ULTIMO CASONCELLO


 
Pisogne, 30 settembre 2013
Ciao a tutti,
lo so, vi avevo promesso che vi avrei raccontato della festa per i miei vent’anni ma sto ancora finendo di sistemare le fotografie e così dovete tenervi ancora per un po’ la curiosità di sapere come è andata.
Non preoccupatevi però, perché oggi vi racconterò di un’altra festa, altrettanto bella e divertente: la Gara di Casoncelli al “Villaggio Romele”.
Prima di entrare nel vivo del racconto devo però fare alcune precisazioni e spiegarvi perché parlo di “Villaggio”.
La mia famiglia materna è molto numerosa e unita, dove abito io vivono anche: la zia Tina, il cugino Domenico con Giulia e Chiara, La cugina Emma con Ermanno e Claudia, la cugina Paola con Carlo, Andrea e Rita… ovviamente non abitano tutti in casa con me, ognuno ha il suo appartamento ma le rispettive villette si affacciano tutte su un grande cortile in comune dove d’estate spesso organizziamo aperitivi, cene e feste di vario tipo….
Il cortile è un vero e proprio porto di mare perchè ai parenti che ci abitano vanno aggiunti quelli che vanno e vengono, così a volte ci si trova ad essere in 20-30 persone, come durante la serata di cui vi voglio raccontare.
Verso la fine dell’estate i miei parenti hanno deciso di fare una grandiosa cena per chiudere la bella stagione, tutti d’accordo e tutti felici pensano a cosa poter mangiare, pensa e ripensa vien voglia di ravioli ma qui succede il finimondo: chi cucinerà???? Tutti vogliono imporre la loro ricetta: “Io li faccio così…”- “No, no, cosa dici?!? Son più buoni fatti come dico io!!!”-…. un macello!!! Non si capiva più niente finchè non abbiamo avuto un colpo di genio: “Perché non fare una gara?”.- “Sì, Sì, che bello!!!! Ognuno cucinerà una parte di ravioli, poi gli invitati giudicheranno quali sono i migliori!!!”
Detto e fatto, siamo partiti coi preparativi, ognuno in gran segreto nella sua cucina.
 
Image and video hosting by TinyPic



Ovviamente anche io ho fatto la mia parte:


ma non pensate che ci siamo limitati a cucinare : una gara che si rispetti ha bisogno di una giuria e di palette serie per votare, quindi, abbandonati mattarelli e mezzelune, ci siamo armati di colla, pennarelli, forbici, cartoncini vari…. e via: spazio alla creatività!!!!
E’ stata una serata davvero bella e divertente (oltre che gustosa), tutti i ravioli erano buonissimi ma alla fine c’è stato un unico vincitore: La Pinny, ovvero la mia splendida mamma, io non avevo alcun dubbio perché come cucina lei i ravioli non li fa nessuno!!!!
Un abbraccio
La Valentina    

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Slurp! chissà che buoni
Aurora

Anonimo ha detto...

Complimenti a tua mamma!
Balen

Valentina Sbardolini ha detto...

magari un giorno o l'altro se la mia mamma è daccordo vi invito tutti a banchettare... ;)
valentina