martedì 16 febbraio 2016

Super truna


16/2/2016 Super truna
Sabato 13/2/2016 saimo andati a Vezza D'olio, eravamo : io Federico e Marzia siamo partiti alle ore 8,30 da Esine per arrivare alle ore 9,00 a Vezza D'olio.
Appena arrivati c'era la Protezione Civile di Paracadutisti, e si sono presentati a noi con delle altre Cooperative.
Oltre noi: come cooperativa Azzurra di Darfo, la Cooperativa il Cardo di Edolo la Cooperativa Arcobaleno di Breno e la Pia Fondazione di Malegno.
Eravamo in 4 Cooperative in tutto, eravamo in un bel gruppo tra gli educatori e i ragazzi.
Ci hanno fatto vedere  come costruire una truna, ci hanno fatto vedere la tenda invernale e quella estiva.
Ci hanno fatto provare a scavare, con una pala nella neve e ci hanno fatto provare ad entrare nei sacchi a pelo e uscire.
Ci hanno spegato come erano fatti i sacchi a pelo, son fatti con un materasso con cuscino gonfiabile e 2 strati di stoffa.
Ci hanno spegato come entrare nella truna, e anche come uscire sempre in dietro mai davanti.
Dopo io e Marzia siamo andati, in un bar a bere una cioccolata e un caffé e abbiamo pagato.
Dopo e arrivato quelli della protezione civile paracadutisti, e ci hanno detto perché avevavamo pagato che ci avrebbero offerto loro.
Dopo siamo andati a pranzo offerto da loro, dopo avere pranzato io e la Marzia siamo andati a fare un gireto.
Dopo alla sera siamo partiti per andare a cena, siamo arrivati con i mezzi fino ad un certo punto poi abbiamo proseguito a piedi.
Ci hanno dato i caschi con la luce, così ci vedevamo con il scuro ma cera anche una moto slitta e una geep per quelli che non riuscivono a camminare.
Io e Marzia insieme con gli altri siamo andati a piedi, arrivari al rifugio cascata abbiamo cenato.
Dopo cena c'era una signora, che faceva com e canta storie e ci ha raccontato delle storie.
Dopo cena siamo ritornati a piedi fino al parcheggio, e da lì abbiamo preso i mezzi e siamo ritornati al campo
Alle ore 23,00 stavavamo bevendo la camomilla e mangiando il pesce fritto, e dopo tutti a dormire.
La mattina seguente alle ore 7.00, c'era la colazione e io e Marzia siamo andati dopo la colazione a fare un giro.
Alle ore 11,30 ci ciamo trovati in una piazza tutti in sieme, c'erano i carabinieri gli alpini e la protezione civile dei paracadutisti.
Hanno fatto l'alza bandiera, e dopo siamo andati a pranzo tutti quanti in un ristorante.
Prima di andare a casa ci hanno dato il diploma di partecipazione, e dopo io e Marzia siamo ritornati a casa.
Sono stato molto bene nella turna, apparte la notte che no ho dormito perchè non potevo muovermi.
La mattina ho avuto un mal di schiena, per avere dormito anche male per la posizione.
Un ringraziamento alla protezione civile paracadutisti, e gli organizzatori che hanno avuto molta pazienza con noi.
Un ringraziamento anche al sindaco di Vezza D'olio, che ha permesso di costruire e llestire il campo.
Spero di fare ancora questa esperienza che mi e piaciuto molto tanto, e mi sono divetito molto tanto.
Con una compagnia molto simpatica, che ho trovata in quei 2 giorni che ci sono stato con loro.
Hanno fatto i turni di notte come ronda, la protezione civile paracadutisti per vedere se tutto andava bene.
La sera avevano acceso le torce, per illuminare la turna e dei fari per fare luce intanto che entrvavamo anche se qualcuno vuoleva uscire.
Se serviva qualcose era abbastanza chiamarli, e loro c'erano e venivano perché erano in giro com ronda.
E molto divertente come esperienza, chi volesse provare lo propongono ancora pe l'anno prossimo.
Federico

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Caspita che bella Esperienza! Ma Federico non avevi paura di rimanere sotto la neve? Giovanna

SFA Cooperativa Azzurra ha detto...

Cara Giovanna queste cose fanno con sicurezza e non c'è pericolo di crollo altrimenti non lo farebbero queste cose.
Federico

Anonimo ha detto...

Evviva le esperienze di Federico!
Bravo! Dacci dentro!
Ugo

federico richini ha detto...

Caro Ugo ti piacerebbe anche a te questa esperienza? a me mi e piaciuta molto tanto e ci voglio riprovare.
federico