giovedì 7 luglio 2011

Elsa la vipera che non morde

Quando fai toccare la coscia bella,
porta fortuna.
Porta fortuna poichè rossa.
Il peperone, il peperoncino.
Quando saremo soli.
Perchè l'amore finito.
Perchè l'amore in fumo.
Elsa, il giorno.
E la Domenica perchè non rompe.
Saremo soli.
Un cane.
Perchè nella vita fatta come donne, fanno i ragazzi.
Fanno come quando saremo piccoli.
Come i bambini piccoli, perchè fanno i fiori.
E anche tutto.
Nella natura dove andremo?
Sempre come una vipera che non morde.
FRANCO B.

3 commenti:

Tomaso ha detto...

Belli questi versi se li metti bene assieme è come la vipera che non morde mai.
Un cara saluti a tutti.
Tomaso

Anonimo ha detto...

allora anche tu hai una vena poetica!grazie x il tuo commento gli amici dello sfa

Anonimo ha detto...

Bentornato Franco, non ho capito se fai un complimento a Elsa o no....
Bella però la poesia, si presta a molte interpretazioni.
ciao
Marzia